I Palazzi di Siena

Siena è una splendida città medievale nella quale abbondano i luoghi da visitare e tra essi ricordiamo alcuni dei palazzi più celebri.

Palazzo Tolomei è uno dei più antichi della città toscana essendo stato eretto nel XIII secolo in quella che oggi è via Banchi di Sopra. Si tratta di un maestoso e sobrio edificio a due piani in stile gotico, costruito completamente in pietra per volere della nobile famiglia dei Tolomei e splendidamente conservatosi nei secoli.

Palazzo Chigi Saracini è un originale edificio gotico in pietra e mattoni, edificato nel XII secolo, epoca nella quale ospitava il governo senese, prima della creazione del Palazzo Pubblico in Piazza del Campo. Dal 1932 accoglie l'Accademia Musicale ed in alcuni periodi dell'anno apre le sue porte ai visitatori che possono ammirarne le sale interne con lo straordinario patrimonio artistico in esse contenuto.

Palazzo Salimbeni è un grandioso edificio gotico risalente al Trecento e profondamente restaurato nella seconda metà dell'Ottocento, che sorge nella Piazza omonima. Su Piazza Salimbeni, a circa un chilometro da quella del Campo, si affacciano anche Palazzo Cantucci ed il rinascimentale Palazzo Spanocchi, mentre al centro si erge la statua di Sallustio Bandini.

Palazzo Piccolomini è un maestoso edificio rinascimentale iniziato a costruire nel 1469 per volontà di Caterina Piccolomini, sorella di Papa Pio II, nato Enea Silvio Piccolomini a Pienza, in provincia di Siena. Il palazzo che sorge nei pressi di Piazza del Campo ospita da metà dell'Ottocento l'Archivio di Stato.

Una particolare menzione merita, infine, la Fortezza medicea (chiamata anche Forte Santa Barbara) che sorge fuori dal centro storico, nei pressi dello Stadio di Siena, dove precedentemente vi era la fortezza voluta dall'Imperatore Carlo V, andata distrutta durante la ribellione dei senesi che portò alla cacciata degli spagnoli.

Possiamo quindi comprendere il motivo che indusse Cosimo I de' Medici ad erigere la sua fortezza sulle ceneri di quella rasa al suolo non appena conquistò Siena e così nel 1560 si rivolse a Baldassare Lanci per disegnare l'imponente fortino nel quale oggi sono ospitati manifestazioni culturali e mostre d'arte.

 

Navigare Facile